Amovibilità Vetrate Panoramiche: regole e certificazioni

Amovibilità delle vetrate panoramiche, ecce perché è così importante

L’installazione di vetrate panoramiche rientra tra le opere di edilizia libera, per le quali non è richiesta alcuna autorizzazione amministrativa. La ragione alla base di tale libero procedimento risiede nelle caratteristiche che contraddistinguono una struttura a pannelli di questo genere, oggigiorno largamente impiegata per abitazioni private e locali. La facile individuazione delle preziose qualità è, dunque, essenziale per portare a termine le operazioni senza alcun tipo di rischio, assicurando al privato un risultato a norma, che soddisfi le aspettative. Questa la missione dell’azienda Chirenti Srl, Viale Risorgimento n. 9 – Zona PIP, Castri di Lecce (LE), che opera nel pieno interesse dei clienti, dal 1970. Proprio per questo la società rilascia un’apposita certificazione di amovibilità.

Il concetto di amovibilità e la sua importanza

Come già accennato, le vetrate panoramiche rientrano in una categoria di interventi ben precisa. Tecnicamente, si tratta di proteggere, attraverso manufatti interamente trasparenti e sprovvisti di telaio, alcuni spazi dell’edificio, altrimenti esposti a vento e pioggia. La ragione che ha spinto i produttori a dar vita a questo particolare sistema di chiusura è, essenzialmente, la volontà di permettere agli individui di fruire liberamente di tali ambienti, senza doversi limitare per cause non attinenti alla propria volontà. La schermatura data dalle vetrate panoramiche assicura una piacevole sensazione di continuità e permette al proprietario dei locali di rimuovere i pannelli in qualsiasi momento, così da ripristinare l’affaccio all’esterno. Il concetto centrale dell’intera struttura è, dunque, l’amovibilità, intesa, appunto, come possibilità di eliminare, anche temporaneamente, gli effetti della delimitazione, senza particolari sforzi. A riprova di ciò, si ricorda che i manufatti in questione vengono collocati nello spazio adibito con l’ausilio di semplici viti di fissaggio, le quali, una volta rimosse, non lasciano traccia della propria esistenza. In aggiunta, l’assenza di un telaio scongiura l’ipotesi di saldature e murature di vario genere. Tutto questo permette ai professionisti incaricati di intervenire nell’installazione senza dover richiedere alcun tipo di autorizzazione, altrimenti necessaria. Al tempo stesso, fa sì che il proprietario non debba richiedere alcun cambiamento nella destinazione d’uso.

La certificazione di amovibilità delle vetrate panoramiche Chirenti

Come fa il privato ad assicurarsi che le proprie vetrate panoramiche rispettino tutte le regole previste dalla materia? A delineare la disciplina e, dunque, la regolamentazione della materia, ha
contribuito anche la giurisprudenza di settore, attraverso le pronunce dei suoi organi, quali i Tribunali Amministrativi Regionali e il Consiglio di Stato. Sono questi, infatti, ad aver identificato le vetrate panoramiche come meri arredi esterniincapaci di modificare il volume dell’edificio e la sua destinazione d’uso. Le ante paravento, amovibili, possono essere rimosse in qualsiasi momento, esattamente come si è soliti rimuovere un elemento decorativo della propria abitazione. Le ante di vetro si inseriscono perfettamente anche in un contesto particolare, come il condominio, non comportano alterazioni visive ed architettoniche della facciata. L’azienda Chirenti Srl tutela i propri clienti rilasciando una certificazione di amovibilità, a dimostrazione del rispetto di tutte le regole imposte in materia di amovibilità.

Per ulteriori dettagli chiama pure il numero 0832/247890.

Per contattarci puoi scrivere una email all’indirizzo commerciale@chirenti.it oppure puoi compilare il modulo sottostante

Richiedi un preventivo

Torna su